Primavera Scandinava

Cosa resta al ritorno da 10 giorni passati in viaggio tra Finlandia, Svezia e Norvegia?

All’inizio la rabbia di rimettere piede in un Paese che avrebbe il potenziale artistico, climatico e naturale per essere il Paradiso terrestre, ed invece è reso un piccolo inferno da una lunghissima tradizione di stupido autolesionismo: governato da imbroglioni ed abitato da furfantelli, è il Paese dei Tafazzi, dei tanti – troppi – che ancora non hanno capito come preservare il patrimonio di tutti sia un vantaggio per ognuno. Continua a leggere

Lanzarote: l’isola del fuoco

E’ il 15 marzo 2011 quando il solito gruppo di maniaci del viaggio low-cost a tutti i costi decolla verso lidi atlantici. Tra insulti e maledizioni di ogni sorta da parte dei cari amici e parenti studenti/lavoratori/perditempo lasciati sul suolo italico, il primo dei due voli previsti per raggiungere l’isola canarina decolla da Ciampino alle ore 6.15. Dopo un “breve” scalo a Madrid (durante il quale i nostri eroi non hanno saputo resistere a consuete tapas y canas assunte lungo le strade della capitale spagnola), Continua a leggere

Tutti a borgo

“Tutti a borgo”, la kermesse settembrina di Monterotondo, sta diventando negli anni sempre più un appuntamento succulento per chi voglia godersi l’arte in diverse forme all’interno delle mura della nostra cittadina. Continua a leggere

One Shot – Brooklyn Bridge

 

Brooklyn Bridge

Brooklyn Bridge

 

Il Ponte di Brooklyn, completato nel 1883 su progetto dell’ingegnere tedesco John Augustus Roebling, rappresenta oggi il primo ponte costruito in acciaio ed ha rappresentato per lungo tempo il ponte sospeso più grande al mondo. Collega tra di loro l’isola di Manhattan ed il quartiere di Brooklyn (un tempo due cittadine distinte dello Stato di New York, oggi due quartieri di New York) attraversando il fiume East River.

Continua a leggere

Il mio viaggio a Santorini

E’ mattino presto, anzi prestissimo quando inizia il mio viaggio per Santorini.

Ho la sveglia alle 02:30 , alle 04:00 ho appuntamento con Cristina e poi con Domenico che ci accompagnerà all’aeroporto di Fiumicino, prima tappa del nostro viaggio. Una doccia, gli ultimi controlli ai documenti e poi via. Parto un po’ col broncio dato che il nostro tour operator a sole 24 ore dalla partenza ha trasformato il nostro volo che avrebbe dovuto essere un diretto Roma-Santorini (2 sole ore di volo) in un molto più articolato Roma-Milano-Rodi-Santorini (ben 12 ore di “calvario”). A proposito il tour operator in questione (consiglio vivamente di evitarlo) è PHONE & GO . Continua a leggere

Valparaiso

Waiting dog (click per aprire l'album)

Abitazioni colorate, intrecci di cavi elettrici come una ragnatela che ricoprono IL CIELO, ascensores che collegano le colline al porto commerciale. fascino decadente ‘Valpo’, non a caso sito patrimonio dell’umanità protetto dall’UNESCO. Continua a leggere

Pe’ Sant’Antognittu nostro

Visualizza l'album

 

“Pàra Pappàra Pappà Pappà Pappàparapà….

Para Pappàra Pappà Parapà Parapàpparapà…..”

Non c’è stato risveglio di S.Antonio, fin da quando riesco a ricordare, che non mi abbia lasciata rapita dal trillo della banda di ottoni, segnale inconfutabile dell’uscita del Santo dalla casa del suo Custode annuale. Quel suono gioioso che di primo mattino la prima domenica successiva al 17 di gennaio giunge alle mie orecchie da lontano segna l’inizio della festa, un richiamo irresistibile a correre fuori per unirsi all’enorme flusso di persone ed animali che  poco a poco si riverseranno nelle strade.

Quand’ero piccola impaziente aspettavo che mio padre fosse pronto ad uscire e insieme a lui raggiungevo la Passeggiata, una strada pedonale circondata da due enormi marciapiedi dove oltre  a me sembravano essersi riuniti molti altri compaesani. Ricordo ancora quando non capivo bene cosa sarebbe accaduto, sebbene fin da allora fosse irresistibile cogliere l’attesa sul volto di adulti e bambini che di tanto in tanto si guardavano attorno sperando che prima o poi qualcosa accadesse.

C’è chi parla con un amico, qualcun altro saluta i figli di un conoscente “Quanto siete cresciuti!…” Continua a leggere